La casa di Claudio e Barbara

Oggi  ti parlo della sostituzione delle finestre a casa di Claudio e Barbara.

Sono stato contattato da Claudio ad aprile 2018.

Da subito siamo entrati in sintonia.   Claudio, persona molto affabile, aperta e disponibile, mi dice di avere un problema da risolvere all’interno della sua abitazione.

Dopo due chiacchere,  gli faccio la mia solita “intervista”, per capire il suo problema .   Da subito mi ha chiesto di vedere le finestre, ma io, come faccio di solito gli spiego che vedere gli infissi serve a poco.   Prima devo cercare di capire le sue problematiche.    Magari  non sono in grado di aiutarlo !

Claudio  si rimette a sedere e cominciamo il nostro colloquio.   Io gli ribadisco che prima di vedere l’estetica e come è fatta la finestra dobbiamo cercare di focalizzare il suo problema, capire le sue aspettative dal nostro incontro e vedere se io sono in grado appunto di aiutarlo.

Claudio era stato da altri serramentisti che da subito gli hanno mostrato gli infissi decantando le loro prestazioni,  pertanto era convinto che la prassi fosse questa e si aspettava che anch’io facessi la stessa cosa.

Dopo avergli  fatto alcune domande lo lascio parlare.   Passati alcuni minuti Claudio mi fa capire che il suo problema è dovuto al  troppo calore che d’estate gli entra attraverso le porte finestre della cucina, del  salotto,  della  sua camera da letto e di  quella di uno dei due figli.

Dimensioni degli infissi grandi, addirittura a tre ante.    Di giorno poteva difendersi dall’irraggiamento solare con gli scuri, ma Claudio e Barbara  non amavano  doverli socchiudere per non far entrare il sole.

Ad un certo punto mi dice che ha già visitato due miei colleghi e che entrambi  gli hanno proposto di cambiare gli oscuranti esterni, mettendo gli scuri con le alette orientabili.  Ma a loro non piaceva l’idea di dover comunque chiudersi in casa.   A loro  piaceva veder fuori comunque e  godere della luce naturale.

Io  gli propongo di non sostituire gli scuri, che comunque aveva già cambiato 5 anni fa, ma gli consiglio di sostituire proprio le porte finestre e quindi tutti gli infissi, soprattutto quelli rivolti  a sud.  Il suo problema era proprio la facciata della casa sempre al sole.  Gli infissi esistenti  non erano molto datati, avevano circa 10 anni e portavano un vetrocamera singolo da 10 millimetri.  La soluzione che gli ho proposto gli è piaciuta tantissimo.

Quindi cosa gli avevo proposto?   Una cosa molto semplice,  posare gli infissi a sud con vetri selettivi,  che  permettono  di schermare di più il sole rispetto ad un normale vetro con basso emissivo.

A questo punto mi chiede: “  vetro selettivo ? cos’è ? nessuno me ne ha parlato ! “

Dopo avergli spiegato come funziona questo tipo di vetro e come è composto,  non mi chiede più di vedere le finestre,  ma mi dice che l’indomani sarebbe tornato con la moglie per decidere il colore degli infissi nuovi,  senza chiedere prezzi e costi.

Fissiamo l’appuntamento per il giorno dopo,  verso sera.  Io intanto,  dopo aver raccolto da parte sua alcune misure,  preparo un piano dei lavori veloce e di massima.

Arrivati da me, Claudio e Barbara, dopo aver visto le finestre,  hanno scelto il colore,  la ferramenta a scomparsa,  il tipo di materiale (legno / alluminio ),  le maniglie e un vetro a doppia camera ( o triplo vetro).

Ad un certo punto però li fermo e chiedo loro: “ ma il preventivo non vi interessa ? “.  Sapevo già la risposta,  volevo solo avere la conferma che il mio metodo di lavoro è proprio quello che serve al cliente.   Infatti Claudio mi risponde che la fiducia che ha in me lo porta a pensare che il prezzo che ho fatto loro sicuramente sarà adeguato al lavoro e alle soluzioni che gli ho proposto ( anche se comunque poi mi ha chiesto un piccolo sconto !  )

A questo punto, dopo aver fatto vedere loro il totale previsto, prendiamo appuntamento per il sopralluogo finale presso la loro abitazione per le misure definitive.

Dopo due mesi abbiamo fatto l’installazione, con nastri autoespandenti e barriere aria e vapore; una posa ben  curata che non facesse  perdere agli infissi le loro ottime prestazioni ( infisso legno/alluminio HF410 di INTERNORM).

 

Oggi ho fatto visita a Claudio e Barbara, per fare le annuali registrazioni  che propongo ai miei clienti di fare sistematicamente.      Sono molto contenti e mi dicono che durante l’estate hanno usato molto meno l’aria condizionata, grazie alla soluzione che ho proposto loro.  Ma allo stesso tempo hanno speso di meno anche di riscaldamento nell’inverno appena passato.  Questo grazie ai nuovi infissi molto performanti ed a una accurata posa fatta con materiali certificati ed idonei.

Posso dire che il cliente ha fatto un investimento sul suo futuro,  sia a livello economico che a livello di benessere  personale.  Non dimentichiamo comunque che così facendo riduciamo i consumi e aiutiamo l’ambiente in cui viviamo.

 

Un sentito grazie da parte di Luca e Daniela di Findoor a Claudio e Barbara.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattro × uno =