La scelta delle ZANZARIERE: caratteristiche e consigli

Anche la scelta delle zanzariere è molto importante. Qualcuno del settore pensa che siano tutte uguali, ma non è così.

Da valutare bene è la consistenza dell’alluminio usato, che non deve essere troppo leggero; oggi molte aziende lesinano sullo spessore per andar a risparmiare sui costi della materia prima e quindi uscire con un prezzo più basso. Questo va a discapito della durata e della qualità della zanzariera stessa.

Il telo. Deve avere una certa consistenza, una grana un pò spessa, per durare agli agenti atmosferici, all’usura nel tempo e ad eventuali forzature meccaniche provenienti dall’esterno.

La barra maniglia. Cos’è?  E’ la barra dove viene saldatala rete, che deve essere ben rigida, soprattutto su dimensioni importanti, per agevolare la chiusura della zanzariera stessa. Se troppo leggera si potrebbe storcere e creare problemi quando si vuole abbassarla ed agganciarla per la chiusura.

 

 

 

 

 

 

 

Lo spazzolino antivento. Ancora oggi molti serramentisti propongono le classiche zanzariere verticali o laterali con la rete a bottoni. In poche parole, la rete scorre in una guida e questi bottoni termosaldati non permettono la fuoriuscita del telo stesso dalle guide. Se però dovesse succedere, nella stragrande maggioranza dei casi, il cliente non riesce a rimandare in sede il telo,  che con molta probabilità viene rotto.   Quindi, il mio consiglio è quello di scegliere zanzariere con LO SPAZZOLINO ANTIVENTO: le guide delle zanzariere hanno due spazzolini inclinati in maniera particolare da non far uscire il telo. Se dovesse succedere è facilissimo da rimettere in sede con il solo uso delle mani. Questo permette di non rompere il telo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il freno di risalita. Altra cosa importantissima, soprattutto per l’antiinfortunistica, è far applicare un particolare freno che rallenta la risalita del telo una volta rilasciato.   Questo sia per le zanzariere verticali, usate per le finestre, ma anche per quelle a movimento laterale, usate per le porte finestre.

La posa. Infine, ma non meno importante la posa appunto. E’ consigliabile farla con delle staffe applicate all’infisso o al falso telaio, in modo da poterle togliere quandi si vuole, sia per la pulizia che per eventuali rotture dei teli.  Molto spesso, invece, vengono montate con il silicone direttamente sul marmo o sulla finestra. Questo rende molto più difficile intervenire sulla zanzariera stessa.

 

Luca T.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tre × 5 =